Trani e il matrimonio di Re Manfredi

traniTrani è una splendida cittadina in provincia di Barletta – Andria – Trani in Puglia. E’ importante per la sua Cattedrale romanica che si affaccia direttamente sul mare, intitolata a San Nicola Pellegrino, patrono della città, inserita nella lista delle “meraviglie italiane” e per il suo Castello dove, nel 1259, Manfredi di Sicilia, figlio di Federico II, sposò Elena Ducas, figlia del Despota d’Epiro Michele II. 

E proprio per ricordare quest’unione, Trani ogni anno organizza La Settimana Medievale, un evento organizzato dall’associazione culturale “Trani Tradizioni” che ridà al suo centro storico quell’atmosfera tipica medioevale ravvivata da suoni di musici, giocolieri, saltimbanchi, balli di dame, di popolane ed odalische e pervaso dal profumo delle locande che offrono al turista e non solo, la possibilità di ordinare e gustare menù medioevali.

La settimana medioevale inizia con La notte dei Templari attraverso rievocazioni storiche ispirate alle partenze dei crociati e dei cavalieri Templari dal porto cittadino verso la Terra Santa durante le Crociate, nel corso del XII-XIII secolo fino al matrimonio del Re Manfredi con la Principessa Elena Comneno.

Tre sono i momenti salienti della Storia dell’Ordine, rappresentati:

  • Il battesimo dei Templari 
  • Il templare traditore 
  • Il tramonto di un ordine 

trani_notte_dei_templari

Successivamente, alla rievocazione de “Il matrimonio di Re Manfredi” vengono dedicate ogni anno due serate.

  • L’incontro tra Re Manfredi ed Elena 
  • L’investitura dei Cavalieri e il matrimonio 

trani_matrimonio_re_manfredi

La nuova edizione de “La Settimana Medioevale” si terrà nei giorni dal 3 al 7 agosto. Come di consuetudine, le prime due serate saranno dedicate all’Ordine dei Templari; mentre “Il Matrimonio di Re Manfredi”, illuminerà il Castello Svevo nelle tre serate successive.

trani castello

Programma dettagliato dell’evento su http://www.tranitradizioni.com/edizione-2016.html

Articolo scritto da Graziella La Rosa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *