Toscana … Siena e il Museo dell’acqua

museo-acqua siena 4L’acqua, l’oro blu del futuro, ha rappresentato, da sempre, un bene primario per l’umanità da tutelare e preservare. Ma l’acqua è anche storia e cultura e Siena, straordinaria città d’arte, famosa soprattutto per la grande piazza del Campo dove due volte l’anno si corre il Palio, ospita il Museo dell’acqua ideato nel 2010 grazie all’associazione “La Diana” attraverso un progetto denominato Social Design per la valorizzazione e la tutela dei Bottini, delle Fonti monumentali e di tutto il patrimonio storico, culturale ed architettonico legato alle Acque di Siena.

Il museo, che si trova sopra le fonti di Pescaia su tre piani in un antico palazzo della città, ha come  obiettivo  quello di raccontare la storia della città e la memoria dei senesi legate al sistema dell’acqua che si nasconde sottoterra.

“A Siena si dissero, e si dicono sempre, bottini, gli acquedotti sotterranei, scavati nell’arenaria, in parte anche murati, quasi tutti praticabili, che dopo aver raccolto le infiltrazioni delle acque piovane e delle vene, nelle colline circostanti, alimentano, con queste acque, le fontane pubbliche e moltissimi pozzi privati…”

Bottini-Senesi

(Le fonti di Siena e i loro acquedotti -Fabio Bargagli – Petrucci).

Un viaggio, con l’ausilio di guide specializzate, ci farà scoprire la bellezza di questi millenari bottini che presentano una tecnica di approvvigionamento idrico che non ha uguali nel mondo. Certo, le gallerie drenanti sono utilizzate da millenni in Oriente e in Europa, ma solo a Siena sono associate ad uno sviluppo urbano, ed hanno consentito di costruire una delle città medievali più ricche e popolose d’Europa.

siena museo

Quindi non vi resta che andare a scoprire questi luoghi millenari che conservano ancora un grande fascino tutto da scoprire ed esplorare.

http://www.ladianasiena.it/news.php

Articolo scritto da Graziella La Rosa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *