Spagna…Belen de Salzillo

salzillo2Strade e casette, botteghe, officine e locande settecentesche fungono da scenario a 556 pezzi in terracotta, alti non più di 30 cm, decorati finemente,  posti a rappresentare la quotidianità del settecento borbonico…magia della globalizzazione ante litteram, voluta dall’illuminato sovrano Carlo di Borbone succeduto a FilippoV, che porta in Spagna l’arte presepiale napoletana.

Non siamo, infatti, a San Gregorio Armeno , quartiere brulicante di presepi di ogni genere e dimensione, ma nella elegante regione iberica della Murcia.

 Qui, l’arte del far presepi, che rappresenta sublime connubio tra scultura, pittura, cuore e fantasia dalle origini italiane, ha trovato nuovo spazio.

Qui opera  lo scultore Francisco Salzillo, nato, per l’appunto,  in Murcia nel 1707, divenuto artista di corte dal 1755, e che rappresenta uno dei maggiori rappresentanti dell’arte scultorea lignea spagnola.

salzillo 6

Qui Francisco realizza il suo celeberrimo Belen (presepe) su commissione del nobile Don Jesulado Riquelme y Fontes,  che la volle per impreziosire casale e casato.salzillo3

Però… lo spagnolo Francisco era cresciuto alla scuola del papà Nicola, nato  a Santa Maria Capua Vetere, Napoli, e formato alla bottega di Aniello Perrone, trasferitosi in Murcia tra il 1695 e il 1697  per trovarvi fortuna…il nostro Salzillo aveva appreso l’arte del far presepi dal padre e ne diede  illustre saggio nella nuova patria, la Spagna. Per altro, il suo apprezzato Belen si inserisce nella tradizione che già dilagava in tutta Europa già dal Cinquecento secondo la quale il presepe, da rappresentazione della Natività così come ideata da San francesco, si era arricchita  di personaggi coevi all’epoca di realizzazione, si vocifera, su iniziativa di san Gaetano da Thiene.belensalzillo5

Oggi la splendida opera del Salzillo è conservata nel museo a lui dedicato nella Murcia, tra Andalusia e la Comunidad Valenciana.

Articolo scritto da Carmen Carbonaro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *