signore e signori, la zuppa è fredda…il gazpacho

gazpacho-1Vi proponiamo uno dei  più celebri piatti estivi della caliente Spagna, il gazpacho che ha contribuito a rendere  famosa nel mondo la regione dell’Andalusia.

Lo strano nome di questa deliziosa zuppa fredda ha origini antichissime, visto che richiama il termine accadico kasâpu (=frantumare ), forse riferito ai crostini  di pane che vi si intingono. Il nostro gazpacho , però, sembrerebbe derivare dalla bevanda che i greci erano soliti preparare nelle calde giornate estive, usando acqua e vino e detta kykeon, posca dai romani. Con l’arrivo degli Arabi in Spagna si aggiunsero sale e olio d’oliva e solo nel tardo medioevo si consacrò la ricetta a base di verdure che di seguito vi riportiamo.

Ingredienti per 6 persone:

1 kg di pomodori maturi,  una cipolla bianca media, 1 peperone verde, 1 cetriolo, un pizzico di cumino, aceto di vino rosso, sale , olio evo e un panino raffermo, uno spicchio di aglio.

Iniziamo pulendo ben bene i pomodori e privandoli dei semi e della buccia.

Laviamo il peperone privandolo dei filamenti interni e dei semini, e tagliamolo a pezzi.

Facciamo attenzione che il cetriolo non abbia un gusto amaro altrimenti guasterà l’intera zuppa, verrà lavato , sbucciato e tagliato in pezzi.

gazpacho2

Sbucciamo e tagliamo la cipolla e poniamo tutti gli ingredienti in un mixer, con l’aggiunta di sale, olio , aglio , cumino, tre cucchiai di aceto e il panino raffermo ammollato e ben strizzato, lasciando che si formi una crema omogenea.

gazpacho3

Possiamo gustare con crostini di pane e qualche foglia di basilico.

Articolo scritto da Carmen Carbonaro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *