Poggio Vigneti Montepulciano d’Abruzzo

montepulciano 1Il Poggio dei Vigneti Montepulciano d’Abruzzo nasce nelle provincie di Chieti, Teramo, Pescara e L’Aquila, culla di produzione di una delle  DOC italiane notevolmente apprezzate anche all’ estero.

Di colore rosso rubino intenso, con sfumature violacee, invecchiando tende al granato. Porta con sè il profumo caldo delle spezie e dei frutti rossi, e un sapore pieno, armonioso e tannico al punto giusto. Per le sue caratteristiche , si presta ad essere abbinato alla carne, cacciagione soprattutto, ai piatti dal sapore intenso d’Abruzzo, dalle carni ovine ai preparati più elaborati con carni bovine. Senza dubbio è eccellente con i formaggi stagionati poiché ne bilancia perfettamente il sapore grasso e dolce.

La storia del Montepulciano d’Abruzzo è di antica origine. I ceppi viticoli, così come accade per la maggior parte delle  uve a bacca nera, sono giunti in Italia a seguito dei colonizzatori Greci.

Pare che il Montepulciano d’Abruzzo, o comunque il suo diretto antenato, sia stato apprezzato da Annibale , che lo utilizzò durante la campagna d’Italia per ristorare le forze dei soldati cartaginesi.

È in epoca medicea che si ingenera la confusione con il vino omonimo toscano,  poichè la famiglia fiorentina dei Medici deteneva la Baronia di Carapelle, in Abruzzo, e vi introdusse le tecniche agricole già sperimentate in zona senese per la produzione di vini rossi, pur utilizzando vigneti diversi da quelli coltivati in Toscana.

Il nostro Montepulciano abruzzese, infatti, ha caratteristiche notevolmente differenti dalla versione toscana: mentre il primo è un vino tardivo,  robusto, longevo, carico, dal gusto pieno; il secondo è un vino precoce e gentile.

Il nome di Montepulciano d’Abruzzo , comunque , appare dal XVII secolo in poi, mentre si ha notizia della sua commercializzazione certa nel 1821 da un rarissimo documento in possesso dell’arch. Tommaso Camplone di Pescara.montepulcianoVigneto1

L’epidemia di fillossera colpì pure il nostro vigneto ma vari ceppi sopravvissero nella Marsica , a riprova che in alcuni terreni, per lo più in collina, la malattia attecchisce meno.

Le tecniche di coltivazione moderne permettono l’impianto di vigneti ovunque, ma i migliori terreni  per la produzione del Montepulciano restano quelli che si trovano in  un particolare microclima , per esempio nella Val Peligna.

A presidio della qualità del prodotto, oggi opera il Consorzio di Tutela per la  vigilanza, tutela, promozione e salvaguardia delle denominazioni DOC “Abruzzo”, “Montepulciano d’Abruzzo.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il prodotto delle Cantine Il Poggio dei Vigneti  Montepulciano d’Abruzzo che vi proponiamo offre la garanzia di qualità e gusto della  migliore versione di questo pregiato vino italiano.

Articolo scritto da Carmen Carbonaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *