Pershesh … tipico piatto albanese di Capodanno

tacchinoChi ha detto che il tacchino campeggia solo sulle tavole degli americani per il Thanks Giving?

A Capodanno non manca mai sulla tavola degli albanesi il Pershesh, tacchino preparato con  pane Kulaç  menta e cipolla…vediamo come.

Ingredienti:

1 Tacchino di piccole dimensioni, 1 kg di Farina, 1 cucchiaio da tè di Bicarbonato di sodio, 2 cucchiai da tè di Sale, 150 gr di Menta, 2 Cipolle, 4 cucchiai da tavola di Olio di oliva, Pepe nero, 400 gr di Noci, 2 bicchieri di Vino bianco, 2 Limoni, 100 gr di Burro, Brodo vegetale.

Per il pane: Mescolate farina, sale, bicarbonato e impastate con acqua tiepida finchè il composto non sarà liscio ed omogeneo. Imburrate e infarinate la teglia nella quale porrete l’impasto livellandolo con le mani. Bucherellate con la forchetta e infornate per 30-40 minuti a 200 gradi.

Per il tacchino: lavate e spiumate ben bene il taccchino, farcitelo con un limone. Salatelo e pepatelo dentro e fuori, massaggiate l’esterno con una buona quantità di burro a temperatura ambiente e un po d’olio. Lasciate riposare un’ora prima di cuocerlo. Mettetelo in una teglia  con il vino e il succo di limone, infornate a 180 gradi per una buona mezz’ora, bagnandolo ogni tanto con il brodo vegetale.

Dopo coprite la teglia con la stagnola e abbassate la fiamma a 150 gradi, lasciando cuocee per circa due ore. L’ultimo quarto d’ora , togliete la stagnola e portate a 200 gradi perché diventi dorato.

Intanto prendete il vostro pane, spezzatelo con le mani.

In una padella larga mettete del grasso di cottura del tacchino e fatevi imbiondire la cipolla triturata. Aggiungete il pane sbriciolato e fatelo rosolare. Aggiungete brodo vegetale e grasso di cottura finchè non diventerà soffice. A fuoco spento aggiungete la menta fresca tritata finemente e le noci tritate grossolanamente.

Aggiungete il composto al tacchino facendo gratinare.

Spegnate il fuoco aggiungendo altra menta, fate riposare una mezz’ora. Servite il tacchino ben caldo.

gjel-deti-i-pjekur-receta

Articolo scritto da Carmen Carbonaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *