Malta e la leggenda di San Paolo e la vipera!

Malta, l’isola dei 300 giorni di sole, è famosa non solo per il suo mare splendido e perché meta di divertimento, ma è anche famosa per le sue leggende ed il folklore.

Una di queste leggende è legata all’apostolo San Paolo e al cristianesimo che giunse nell’arcipelago maltese attorno al 60 d.C.

Paolo stava per essere portato a Roma per subire un processo, quando la nave che trasportava lui e altri 264 passeggeri fu colta da una terribile tempesta. Paolo a differenza degli altri era guidato dallo spirito di Dio e con parole di speranza diceva ai suoi compagni:

“Nessuno di voi lascerà la vita, solo la nave sarà persa. Un angelo di Dio al quale appartengo e che servo mi è apparso per dirmi: Non avere paura, Paolo… ecco che Dio ti accorda la vita di tutti coloro che navigano con te”.

E così avvenne … tutte le persone a bordo raggiunsero a nuoto la costa maltese.

Il luogo dove naufragò San Paolo è oggi conosciuto come Isola di San Paolo e una statua commemorativa ricorda l’evento.

Gli abitanti del luogo si mostrarono subito gentili e accoglienti verso i naufraghi ed ecco che avvenne un episodio singolare … una vipera morse la mano di Paolo mentre attizzava il fuoco, egli la gettò nel braciere senza alcun dolore e la gente lo prese per un Dio. Oltre questo, Paolo guarì il padre del suo ospite imponendogli le mani. Ormai Paolo era amato e al momento della partenza lo ricoprirono di onori e gli venne fornito tutto il necessario.

Secondo la leggenda, San Paolo si rifugiò in una grotta, oggi conosciuta come le Catacombe di San Paolo a Rabat, Malta.

Durante l’inverno San Paolo venne invitato nella residenza di Publio, il governatore romano sulle isole. Fu qui che, secondo la tradizione, San Paolo guarì il padre di Publio da una terribile influenza e così il governatore si convertì al cristianesimo e divenne il primo vescovo cristiano a Malta. Secondo la leggenda, la Cattedrale di Mdina sorge sul luogo dove si trovava la casa di Publio.

Qualunque sia la leggenda, i ritrovamenti archeologici dimostrano che Malta fu una delle prime colonie romane che si convertì al cristianesimo.

Articolo scritto da Graziella La Rosa