La porcellana … sapori di altri tempi!

cucina poveraOggi la cucina povera è tornata di moda e soprattutto quella mediterranea, riconosciuta dall’Unesco come patrimonio culturale immateriale da salvaguardare, torna protagonista sulle nostre tavole.

Una cucina con una tradizione antica che rispecchia l’identità di un popolo e un patrimonio culturale delle regioni valorizzato e promosso da sempre più chef che diventano promotori di una cucina sostenibile e di una cucina a chilometro zero e che decidono di proporre menù che seguono la stagionalità facendoci riscoprire antichi sapori.

Non sono pochi i ristoranti che hanno riscoperto, ad esempio, tantissime varietà di erbe spontanee. Ogni regione ne ha di proprie; oggi vogliamo porre la nostra attenzione sulla  Porcellana definita una nobile e gustosa erba!

portulaca

I prati e i campi ne sono pieni; ha un gusto molto gradevole tendente all’acidulo, è croccante, spessa, carnosa, possiede proprietà dissetanti e diuretiche, è ricchissima di vitamina C ed è anche una fra le migliori fonti vegetali dell’acido grasso Omega3, importantissimo per prevenire malattie cardiovascolari e per la salute del sangue.

E’ facilmente riconoscibile, sembra proprio una pianta grassa. E’ ottima a crudo, lavata e consumata in insalata da sola, oppure anche in insalate miste.  Ottima con la rucola  o  con i pomodori e altre erbe  e frutti estivi, delizioso anche il binomio con cipolla e cetrioli, condita con un po’ di aceto buono e sale.

Ricette siciliane

INSALATA FERRAGOSTANA
Alla normale insalata di pomidori, cetrioli e cipolle aggiungere una manciata di foglie fresche di porcellana, condire il tutto con aceto, olio, sale e a piacimento anche limone e servire come contorno degli arrosti.

portulaca 1

INSALATA DI VERDURE LESSE
Con le patate bollite e le cipolle al forno preparare il tutto come insalata aggiungendo sia le foglie che i  germogli di porcellana freschi: condire il tutto come nelle abitudini di ciascuno e servire. L’insalata così ottenuta, con la porcellana acquisterà un sapore diverso dal solito.

portulaca-oleracea-porcellana

FRITTELLINE Dl PORCELLANA
Immergere le cime di porcellana nella pastella precedentemente preparata e friggerle singolarmente in olio ben caldo. Appena indorate si pongono sulla carta assorbente da cucina e si pongono in un piatto da portata per essere servite come antipasto diverso e stuzzicante.

2013-07-06 15.08.55

Buona degustazione!

Articolo scritto da Graziella La Rosa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *