La Calabria e il suo tagliere cosentino

A 30304

La Calabria offre un’infinità di prodotti tipici eno – gastronomici conosciuti non soltanto in Italia ma in tutto il mondo. Formidabile è il tagliere cosentino ricco di prodotti caseari e di salumi.

Tra i primi spicca il caciocavallo silano, uno  fra i piu’ antichi e tipici formaggi a pasta filata del Mezzogiorno d’Italia. Della sua produzione ne accennava gia’ Ippocrate, nel 500 a.C., discorrendo dell’arte usata dai greci nel preparare il ”Cacio”. 

caciocavallo_silano

La ricotta affumicata silana; può essere consumata semi fresca, come formaggio da tavola, o stagionata, come formaggio da grattugiare. Ha forma tronco-conica con altezza e diametro variabili. In entrambi i prodotti il sapore è intenso. L’affumicatura dura tre giorni ed è solitamente affumicata con legno di Ontano che cresce lungo i corsi d’acqua della Sila.

ricotta affumicata

I butirri, deliziose caciottine di pasta filata che all’interno cela un cuore di burro.

butirri calabria

Il pecorino del Pollino, da tempi immemorabili nel Cosentino le pecore allo stato brado si alimentano di erbe spontanee e aromatiche concedendo un latte eccellente che, lavorato con metodi tradizionali, garantisce questo prodotto caseario di assoluto pregio.

pecorino del pollino

La Provola silana è un formaggio a pasta filata. La crosta è compatta, liscia e lucida, di colore giallo o bianco avorio, in base al tempo di stagionatura. La pasta è in genere poco più chiara della crosta, sapore dolce.

provola-silana

Regina dei salumi è la sopressata, salume di particolare pregio a base di carne suina. Di maggiori dimensioni è il capocollo che si ricava da tagli pregiati.

soppressata silana

capocollo calabria

Articolo scritto da Graziella La Rosa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *