Grecia … il complesso di Peribleptos a Mistrà

MystrasA ridosso del Taigeto sorge la cittadina di Mistrà , sulla collina di Myzithras da cui la cittadina patrimonio dell’Unesco dal 1989 prende il nome.

Celebre più della vicina Sparta, Mistrà ospita il complesso della Peribleptos. La chiesa è addossata alla rupe e si sviluppa adattandosi agli spazi tra le rocce. Per altro la struttura è stata riadattata alla precedente cappella dedicata a Santa Caterina.
La pianta è a due colonne, con il braccio occidentale allungato, e le murature esterne poligonali con muratura a castone. Non ha un ingresso principale vero e proprio; presenta piutosto un portico con scalinata sul lato meridionale e una nicchia sul lato ovest. Sull’arco di ingresso campeggia un leone araldico con la data del 5 marzo 1714, risalente , pertanto all’epoca della breve dominazione veneziana della città.

L’opera fu ristrutturata da Leone Mauropapas, mentre la costruzione originaria dovrebbe essere più antica; di tale risalente struttura rimangono le cappelle diMistra-12-Peribleptos-monastery-150-1600 Santa Paraskevi e San Pantaleimon, poste sotto le absidi e comunicanti tra loro. Sembra di entrare in chiesa dalla porta di servizio, ma l’interno stupisce per la ricchezza e la varietà delle opere pitttoriche.

La cupola campeggia con il suo Cristo Pantokrator e la fascia inferiore riccamente decorata. Quest’ultima è divisa in otto spicchi e riporta la raffigurazione di coppie di apostoli sovrastati dallo Spirito santo, la Vergine Maria e gli angeli che preparano il trono celeste (etimasìa). La Vergine è rappresentata più volte e il ciclo pittorico a lei dedicato, composto da ben 25 scene mescolate senza ordine ben preciso, è più esteso ed articolato del ciclo che rappresenta il ministero del Cristo. Nella parte superiore dell’abside troneggia la raffigurazione del Padre, mentre nella parte inferiore è possibile vedere il Cristo che riceve dagli angeli i doni rappresentanti le offerte del rito della Divina Liturgia.

1d9eae0708d8fca65681f993c287a0608415f8c0

Articolo scritto da Carmen Carbonaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *