Buon Natale da Salvador Dalí

Dalì nataleAvreste mai pensato che un grande artista,  uno dei maggiori pittori del Novecento, uno dei massimi esponenti del Surrealismo , potesse dedicarsi a realizzare …biglietti di auguri per Natale?

Ebbene, è accaduto davvero a  Salvador Dalì che , tra il 1958 e 1976, fu incaricato di realizzare 19 biglietti di auguri per conto di una casa farmaceutica spagnola, la Hoechst Ibérica . Pare che l’intento dell’azienda fosse quello di destinare i biglietti a farmacisti e medici che collaboravano con l’azienda in tutto il territorio iberico.

Inutile dire che non si tratta di semplici bigliettini ma di vere opere d’arte, uniche nel loro genere.

Nei biglietti Dalì riprodusse la sua versione di opere di altri celebri autori,  come Las Meninas di Diego Velázquez, ripropose le sue  stesse opere, inserì frasi tratte da opere letterarie, tra le quali spiccano le citazioni del Don Chisciotte di Miguel de Cervantes, altre volte scrisse frasi di suo stesso pugno.

dalì 3
dalì spagna
L’iniziativa della Hoechst Ibérica  non era comunque nuova nel suo genere, visto che era stata ispirata dall’operato della statunitense Hallamark, una vera spacialista nel settore “ biglietti di Natale”. L’azienda già nel 1946 aveva incaricato diversi artisti, tra cui  Norman Rockwell ,  di realizzare opere del genere, sperimentando dei bozzetti per la rivista Vogue.

dalì 4Nel 1958 lo stesso Dalì propose alla Hallmark le proprie opere. Sfortuntamente  furono rifiutate perchè considerate troppo all’avanguardia.Rimasero pressochè sconociute negli USA, godendo di buona fama, però,in tutta Europa.

Articolo scritto da Carmen Carbonaro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *