Napoli … la pizza Margherita

brandi napoli 1Se vi trovate a Napoli una tappa d’obbligo è la pizzeria Brandi che si trova in  Via Sant’Anna di Palazzo a Napoli. Inizialmente guidata dalla famiglia Brandi, dagli anni ’70 è passata alla famiglia Pagnani i cui figli la guidano tutt’oggi.brandi napoli

Si racconta che nel 1889   Raffaele Esposito, famoso pizzaiolo dell’epoca della pizzeria “Pietro … e Basta Così” fondata nel 1780, fu chiamato da un funzionario della Real Casa nella reggia di Capodimonte, residenza estiva della famiglia reale perché preparasse per Sua Maestà la Regina Margherita  le sue famose pizze.

Questo, assieme alla moglie, preparò alla nobile tre diversi tipi di pizza: una con formaggio, sugna e basilico; una con aglio, olio e pomodoro e un’altra con pomodoro, mozzarella e basilico. Alla regina piacque quest’ultima e ad incoronare Raffaele Esposito, re dei pizzaioli, ci sarebbe poi una lettera, datata 11 giugno 1889, firmata Camillo Galli, capo dei servizi di tavola della real casa che dice: «Le confermo che le tre qualità di pizze da Lei confezionate per Sua Maestà la Regina vennero trovate buonissime». Fu cosi’ che Raffaele Esposito dedicò la pizza con il pomodoro, la mozzarella e il basilico alla Regina, chiamandola Margherita.

regina_margherita_g_01

Come nasce l’idea della margherita?

Paolo Pagnani, attuale proprietario della pizzeria, ritiene che tutto dipenda dalla interpretazione corretta di un passo del De Boucard, un testo settecentesco che tratta degli usi e costumi del popolo napoletano. “In esso – dice – infatti si parla già di una pizza con la ‘muzzarella’, ma era una pizza bianca, con lo strutto e il basilico, ma senza pomodoro”. L’intuizione di Esposito, dunque, sarebbe stata quella di aggiungere il pomodoro, che già era utilizzato per quella con l’aglio e l’origano.
La nascita della pizza Margherita, che il locale ha celebrato solennemente al suo centenario con una gran festa alla quale è accorsa la stampa internazionale, rese, dunque, famoso il locale e rese famosa la pizza in tutto il mondo tanto che oggi insieme alla pasta è uno dei piatti più richiesti.

Brandi_dal_1780_targa_centenaria

La pizza, da Brandi, è preparata con lievito naturale e/o lievito di birra (lievitazione di 6-12 ore) dai pizzaioli Vincenzo Errico, che lavora al banco del locale da oltre trent’anni, e Enrico Palumbo.
La proposta è incentrata per lo più sulle pizze tradizionali, con la Margherita giustamente in prima linea insieme a una ampia scelta di varianti dedicate ai personaggi della cultura o della storia della città: Salvatore di Giacomo, Vittorio De Sica, Gaetano Donizzetti, Sofia Loren, Ferdinando II di Borbone, Matilde Serao, Peppino De Filippo e così via.

Quindi se vi recate in visita a Napoli non dimenticate di fare un salto in pizzeria …

pizza margherita

Articolo scritto da Graziella La Rosa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *